All’ Italiana

Chissà chi vince stasera la finale della UEFA 2021, noi ovviamente tifiamo Italia e una pizza “all’italiana” non ce la faremo mancare ^^

E in caso di vittoria si festeggia con fuochi d’artificio e tuffi a mare per tutta la notte!

ps: siamo anche nel gruppo Flickr dei ristoranti italiani nel mondo

Tracce d’Africa. La mostra apre i battenti

E finalmente è arrivato il momento di apertura al pubblico della mostra di pittura che Camp Italia ospita dal 5 Luglio al 29 Agosto 2021.

Tracce d’Africa. Exhibit by Francesca Scollo.

Un ringraziamento all’autrice, pittrice di grande sensibilità artistica ed umana, Francesca Scollo, che ci ha concesso l’onore di ospitare nove delle sue tele.

Un omaggio all’Africa, a questo grande continente pieno di vita e di umanità e bellezza.

Un omaggio all’arte ed all’utilizzo di nuovi mezzi per diffonderla.

La mostra di pittura è fruibile allo SLurl diretto>

https://maps.secondlife.com/secondlife/Camp%20Italia/213/157/25

Camp Italia vi aspetta per una Summer2021 piena di novità!

Happy Independence Day

Camp Italia wishes Happy Independence Day to all our American Friends!

And invite you to a pool party for celebrating the strong friendship between our Peoples: we wait you at Casale Toscano pool with Flags, fireworks and good food 🙂

At 2:30pm SLT for a jump in the tuscan pool and wine, so catch your swimwear and come to the party!

Taxi>

https://maps.secondlife.com/secondlife/Camp%20Italia/127/64/23

Tracce d’Africa

Una nuova mostra per la Summer2021 a Camp Italia. Una straordinaria e talentuosa artista ci porterà nei misteri della bellezza africana.

Francesca Scollo, con la sua sensibilità e bravura, in nove delle sue tele dentro una mostra di pittura su cui torneremo a scrivere in questo notiziario/blog.

Tracce d’Africa: dal 5 Luglio al 29 Agosto 2021.

Kender e il mondo che cambia

Eccoci pronti a seguire Kender nella seconda puntata della serie che ci porta alla scoperta di nuovi mondi.

KENDER – GLI OCCHI SUL MONDO CHE CAMBIA

            A CURA DI AGC COMMUNICATION

Nella suggestiva cornice delle rovine dell’antica Roma, dal 29 Giugno al 3 Luglio, Camp Italia Community Gateway ospita una interessante trasmissione che dalla Siria e dai flussi migratori si sposta portandoci nel Libano dei nostri giorni.

Camp Italia ha avviato una collaborazione con l’agenzia AGC Communication per la produzione di video educational sui temi della geopolitica e sulla evoluzione di essa anche nei mondi virtuali.

Nella prima puntata della serie “Kender, gli occhi sul mondo che cambia” si è parlato di migranti e di flussi migratori in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, lo scorso 20 Giugno.

In questa nuova puntata, Graziella Giangiulio e Antonio Albanese ci portano nel Libano di questi giorni e con lo stile inconfondibile di AGC Communication offrono una preziosa guida nella comprensione della realtà libanese.

Una buona visione!

*Lo schermo è situato nell’area del Teatro Romano a cui potete arrivare tramite teletrasporto dalla piazza della Welcome Area (sotto il grande tabellone indicato dalla freccia luminosa)

**Per poter guardare il video bisogna attivare lo stream video.

Camp Italia Slurl>

maps.secondlife.com/secondlife/Camp%20Italia/127/64/23

The Sky Way Exhibit – Eng. Version

PRESS RELEASE

THE SKY WAY EXHIBIT

La Via del Cielo becomes a multimedia exhibit on the Second Life platform

On the occasion of the celebrations of SL18B, the eighteenth birthday of the Second Life platform, Camp Italia Community Gateway presented the multimedia exhibition “The Sky Way” in collaboration with Explora Nunaat International, the Italian team that built the first Via Ferrata in the Himalaya.

«With this multimedia installation, Camp Italia Gateway wishes to celebrate the friendship between the Peoples and the excellent work of the Italian Team of Explora Nunaat International towards the direction of Peace and Cooperation between Italy and Nepal», explains Asia Connell, head of the team of Camp Italia on the Second Life platform.

«We are very happy with this collaboration between Camp Italia and Explora Nunaat – continues Asia Connell – we, as a Camp Italia team, strongly believe in the ability of virtual worlds to take on the value of a strong added value as an extension of real life as well as we know».

It is November 9, 2019 when the Italian team of Explora Nunaat International finishes the construction of the last piece of the highest Via Ferrata in the world, in Nepal.

November 14th when the “David Lama” bivouac becomes reality within a close collaboration between the Italian team led by mountaineer and explorer Davide Peluzzi and the Austrian team led by Josef Einwaller.

«The Rolwaling with the size of “Cinderella of the Himalayas” became the first to have a via ferrata and a bivouac for the safety of porters and climbers. Structures located in a strategic place, on the vertical rocks between the Trakarding glacier and the Drolambau glacier, the frontier of glacial research and the new Himalayan mountaineering», says Davide Peluzzi, President of Explora Nunaat International and Ambassador in the World of the Gran Sasso e Monti Park della Laga at the Gran Sasso and Monti della Laga National Park Authority.

But how did the idea of ​​the Himalayan via ferrata, the first and highest of its kind in the world, come about? We asked two of the protagonists of this venture: Davide Peluzzi and Phurba Tenjing Sherpa.

“Ten years ago Explora was engaged in research on Arctic ethnic populations, in collaboration with some universities” – says Davide Peluzzi, founder and President of Explora Nunaat International.

And he continues: «Between 2006 and 2008 we conducted expeditions to Greenland. The Rolwaling Himal has become the second step of such research. Over the years we have also published in important scientific journals such as Nature, studies on the physiology of local populations, to better understand the mechanisms of adaptation to high altitude with the University of Bologna the BiGeA with Prof. Donata Luiselli, Prof. Marco Sazzini and Prof. Stefano Benazzi. In parallel to the scientific activities we started to carry out projects aimed at bringing development, I would say a rebirth of a region, the unknown Rolwaling Himal, in the early 2000s. Now it is the only valley in the Himalayas to have a refuge (Austria) at high altitude and a via ferrata (Italy). Among other things, this region, between Everest and Gaurishankar, also represents the new frontier of mountaineering. The still untouched and unnamed peaks are innumerable».

«The altitude at which it is placed makes it an excellent place to conduct research on high altitude physiology and therefore its use for scientific purposes cannot be excluded. Among other things – says Davide Peluzzi – I had the opportunity to speak personally with the astronaut Nespoli who expressed his interest in using the structure for the preparation of astronauts in a hypoxic environment. But it was not born primarily for this purpose».

«Our Explora motto is: “When Exploration becomes Cooperation” and the realization of the Via del Cielo was not the search for a record.

Nor a business. Otherwise we would have thought maybe of making it in the Alps – explains the founder of Explora – and I would prefer to define the Austrian refuge and the Italian via ferrata as two gifts for the Sherpa people. We Italians also gave them the 19 kg Milwaukee drill, used for the work. Among other things, I am convinced that when one sets out to achieve a record, the competitions are triggered. In short, we would never have been able to do what we have done, cooperating. Therefore, the Ferrata, the Via Del Cielo and the refuge were not born to provide aids only to western mountaineers. Then obviously the bivouac is open to everyone, by definition. We made them to protect human lives with a vision and attention to the local economy which is essentially linked to tourism with the awareness that the work of the Sherpas is highly exhausting “.

«The fundamental concern when you go to these areas and see boys in their 20s busy carrying tens of kilos of material on dangerous routes, is that they won’t get hurt. Suffice it to say that the upper part of the wall along which the via ferrata runs is called ‘the bomb’. Many have died up there. It comes natural to think of doing something to facilitate their work».

Davide Peluzzi concludes: «The story of why we built the Via del Cielo – Sky’s Way? During the Earth Mater expedition in 2011 in the Rolwaling Himal, I saw three of our porters burst into tears. I think they must have been 16-17 years old. It was a cold, very snowy April. There was a lot of ice and constant storms. We were on the rocky spur on which the ferrata leading to the bivouac develops today. I felt so responsible that once I returned to Kathmandu, in response to Undersecretary of Culture Sherestha asking me for a comment on the Himalayas, I said ‘No, I tell you about the people, the porters, the conditions in which they live … I’m going to tell about three guys’… I felt I had to do something and so the projects started. We started with the construction of an aqueduct in 2013, reconstruction of earthquake houses in 2015. Meanwhile the scientific research and human relationships continued with the knowledge and fraternal friendship with the members of the Team Dreamers Destination of Phurba Tenjing Sherpa becoming collaborators of the same group the Explora Dreams. Why are they there? I answer with an anecdote: years ago in 2013 Mingma G. Sherpa, the climber of K2 in winter 2021 asked me ‘Why are you here?’ And my answer was because the place where I was born is very similar with the same problems, only that the mountains are much higher».

“I feel very proud and honored to have a birth in Nepal, especially in my village in the Sherpa community. I belong to the Rolwaling Valley, located in the Dolakha district. I grew up there playing with the mountains just like children in Kathmandu play with cell phones or computers ».

Now speaking is Phurba Tenjing Sherpa of the Dreamers Destination team.

«Rolwaling is a holy valley, excavated more than 2000 years ago by Guru Rinpoche (Padmasambhava). Guru Rinpoche chose this place for meditation and stayed there for three months and returned to Tibet as written in the Buddhist script. There are ancient historical caves, different signs, ancient monasteries that make you believe that Guru Rinpoche was there. That is why the valley itself was hidden from the outside world to preserve and protect its holiness. I feel very lucky to have grown up in this holy place among simple and always smiling people».

«My ancestors, grandparents and father were farmers. They have potato and yak fields. My father used to cross the Tashi Laptsa pass to visit the Khumbu valley carrying loads of tourist luggage, simply because other people from lower altitudes could not survive the harsh conditions of 5000m. My brothers followed my father’s path and I, too, had no other choice. We became porters to earn a living: this led us to mountaineering and today we own a shipping company. Dreamers Destination Treks and Expedition Pvt. Ltd is my company and every season we organize trekking and mountaineering expeditions. When I look back, it is a difficult journey of life that we have been through».

«My village has it all. It is rich in natural flora and fauna, fresh air, fresh water, fresh food, surrounded by awe-inspiring hundreds of sacred mountains. It is quiet. For us it is a paradise. My mother lives there. She doesn’t like being in the city. But we don’t have electricity, school facilities, roads or the internet. We are only eight hours drive from the capital Kathmandu, however, my village is one of the most rural areas in Nepal due to its geographical structure».

«I visited Davide’s house in Italy. His hometown is similar to mine, surrounded by mountains and mountain people. Thanks to science and technology, there are many facilities to improve life and the government understands the needs of people in Italy. But the government of Nepal is not actually doing any significant work for the mountain residents».

«That’s why I was trying to change the status quo of my village according to my abilities. I was trying to build a health center and extend the roads to Tashi Laptsa Pass and do a biwak a few years ago, I think it was around 2016».

«My valley is part of the protected area of ​​Gaurishankar where it is not allowed to disturb its ecosystem. More importantly, we villagers work together to protect local ethnic values ​​and the natural environment. Also, my valley is a vegetarian valley, which means you are not allowed to kill or hunt for the sake of the flesh due to religious belief. We have the monastery committee, the Rolwaling Everest Summiteers Club, the forest consumers committee to regulate local rules and regulations. Due to geography, the only way to elevate my village is through tourism. I say we need more and more tourists: they could be botanists to study rare species found in Rolwaling, zoologists, anthropologists, geologists, medical scientists, astronomers (we have no light pollution at all, you can sleep under the Milky Way), and adventure lovers. , travelers, … anyone !! Tourism is the only way to make a proper living for the locals residing here. And I would say that my valley is not a commercial tourist destination, it is still unexplored and unheard by many».

«There is this famous quote, “Where there is a will, there is a way”, and my path led me to my friends from Italy. I heard I met some angels disguised as humans! They came to my village, adopted the local culture, norms and values ​​of the mountain people and helped them. The health camps they had organized, the first via ferrata they had built in Tashi Laptsa Pass, the biological medical research they had conducted, are some of the examples of their contribution to the improvement of my village. I mean, why should they do it for someone far from Italy? But they established this high definition of friendship, brotherhood and humanity. I really thank the brothers Davide, Giorgio, Marco, Paolo and all the Explora Nunaat International team including all those sponsors or supporters who supported them».

EXPLORA NUNAAT INTERNATIONAL TEAM

1) Davide PeluzziPresident and Expedition Leader Creator of the Project: Earth Mater HIMALAYA

2) Giorgio A.MarinelliDirector and Deputy Head of Expedition

3) Marco Di MarcelloExplora Executive and Biologist

4) Paolo CoccoDirector and Photographer

5) Marco SazziniBiGeA Alma Mater Studiorum

6) Roberto MadrigaliMeteorologist in Italy via satellite link

7) Carmela Modica – Journalist and Explora Report

8) Lidia Di BlasioJmotion Video Agency

Camp Italia thanks Explora Nunaat International for the authorization to use the photos and videos by JMotion, granted on the occasion of the SL18B Celebrations!

You can visit the exhibition at the SL18B celebrations up to July 6th at SLurl>

maps.secondlife.com/secondlife/SLB%20Pizzazz/173/54/23

*Team Explora Photo: courtesy Explora Nunaat International

**The Sky Way Exhibit 1, 2, 3 photos: courtesy  Rig Torok

The Sky Way Exhibit

PRESS RELEASE
THE SKY WAY EXHIBIT

La Via del Cielo diventa exhibit multimediale nella piattaforma di Second Life

In occasione delle celebrazioni di SL18B, il diciottesimo compleanno della piattaforma di Second LifeCamp Italia Community Gateway ha presentato la mostra multimediale “The Sky Way” in collaborazione con Explora Nunaat International, il team italiano che ha costruito la prima Via Ferrata in Himalaya.

«Con questa installazione multimediale, Camp Italia Gateway desidera celebrare l’amicizia tra i Popoli e l’ottimo lavoro del Team Italiano di Explora Nunaat International verso la direzione della Pace e della Cooperazione tra Italia e Nepal», spiega Asia Connell, responsabile del team di Camp Italia nella piattaforma di Second Life.
«Siamo molto felici di questa collaborazione tra Camp Italia ed Explora Nunaat – prosegue Asia Connell – noi, come team di Camp Italia, crediamo fortemente nella capacità dei mondi virtuali di assumere la valenza di un forte valore aggiunto quale estensione della vita reale così come la conosciamo».

È il 9 novembre 2019 quando il team italiano di Explora Nunaat International termina la costruzione dell’ultimo pezzo della Via Ferrata più alta del mondo, in Nepal.
Il 14 novembre quando il bivacco “David Lama” diventa realtà all’interno di una stretta collaborazione tra il team italiano guidato dall’alpinista ed esploratore Davide Peluzzi e il team austriaco guidato da Josef Einwaller.
«Il Rolwaling con la dimensione di “Cenerentola dell’Himalaya” è diventato il primo ad avere una ferrata e un bivacco per la sicurezza di portatori e scalatori. Strutture situate in un luogo strategico, sulle rocce verticali tra il ghiacciaio Trakarding e il ghiacciaio Drolambau, frontiera della ricerca glaciale e del nuovo alpinismo himalayano», afferma Davide PeluzziPresidente di Explora Nunaat International ed Ambasciatore nel Mondo del Parco del Gran Sasso e Monti della Laga presso l’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Ma come è nata l’idea della ferrata sull’Himalaya, la prima e più alta al mondo nel suo genere? Lo abbiamo chiesto a due dei protagonisti di questa impresa: Davide Peluzzi e Phurba Tenjing Sherpa.
«Dieci anni fa l’Explora era impegnata in ricerche sulle popolazioni di etnia artica, in collaborazione con alcune università» – racconta Davide Peluzzifondatore e Presidente di Explora Nunaat International
E prosegue: «Tra il 2006 e il 2008 avevamo condotto delle spedizioni in Groenlandia. Il Rolwaling Himal è diventato secondo step di tali ricerche. Negli anni abbiamo pubblicato anche su riviste scientifiche importanti quali Nature, studi sulla fisiologia delle popolazioni locali, per comprendere meglio i meccanismi dell’adattamento all’alta quota con l’Università di Bologna il BiGeA con i Prof.ssa Donata Luiselli, il Prof. Marco Sazzini e il Prof. Stefano Benazzi. In parallelo alle attività scientifiche abbiamo iniziato a condurre progetti finalizzati a portare sviluppo, direi una rinascita di una regione, la Rolwaling Himal sconosciuta ai più, nei primi anni del 2000. Adesso è l’unica valle in Himalaya ad avere un rifugio (Austria)  in alta quota e una via ferrata (Italia).Tra l’altro questa regione, compresa tra l’Everest e il Gaurishankar, rappresenta anche la nuova frontiera dell’alpinismo. Le vette ancora inviolate e innominate sono innumerevoli».
«L’altitudine cui è posto lo rende un ottimo luogo in cui condurre ricerche sulla fisiologia d’alta quota e non è da escludere quindi un utilizzo a scopo scientifico. Tra l’altro – afferma Davide Peluzzi – ne ho avuto modo di parlare personalmente con l’astronauta Nespoli che mi ha espresso il suo interesse nell’utilizzo della struttura per la preparazione degli astronauti in ambiente ipossico. Ma non è nato primariamente per tale scopo».
«Il Nostro motto Explora è: “Quando l’Esplorazione diventa Cooperazione” e la realizzazione della Via del Cielo non è stata la ricerca di un record.E neanche un business. Altrimenti avremmo pensato magari di realizzarla sulle Alpi – spiega il fondatore di Explora – e preferirei definire il rifugio austriaco e la ferrata italiana come due regali per il popolo Sherpa. Noi italiani abbiamo regalato loro anche il trapano Milwaukee da 19 kg, utilizzato per i lavori. Tra l’altro sono convinto che quando ci si pone nell’ottica di realizzare un record, scattano le competizioni. Non ci saremmo mai riusciti insomma a fare ciò che abbiamo fatto, cooperando. Quindi, la Ferrata la Via Del Cielo e il rifugio non sono nate per fornire ausili solo agli alpinisti occidentali. Poi ovviamente il bivacco è aperto a tutti, per definizione. Li abbiamo realizzati per proteggere vite umane con una visione ed attenzione per l’economia locale che è legata essenzialmente al turismo con la consapevolezza che il lavoro degli Sherpa è altamente logorante».
«La preoccupazione fondamentale quando ti rechi in queste zone e vedi ragazzi sui 20 anni impegnati a trasportare decine di chili di materiale su percorsi pericolosi, è che non si facciano male. Basti pensare che la parte superiore della parete lungo cui corre la ferrata è chiamata ‘la bomba’. In tanti sono morti lassù. Viene spontaneo pensare di fare qualcosa per agevolare il loro lavoro».
Conclude Davide Peluzzi: «La storia del perchè abbiamo costruito la Via del Cielo – Sky’s Way? Durante la spedizione Earth Mater nel 2011 nel Rolwaling Himal, vidi tre dei nostri portatori scoppiare a piangere disperati. Avranno avuto credo 16-17 anni. Era un aprile freddo, molto nevoso. C’era parecchio ghiaccio e bufere continue. Eravamo sullo sperone roccioso su cui si sviluppa oggi la ferrata che conduce al bivacco. Mi sentii così responsabile che una volta rientrato a Kathmandu, in risposta al Sottosegretario alla Cultura Sherestha che mi chiedeva un commento sull’Himalaya, dissi ‘No, io ti racconto della gente, dei portatori, delle condizioni  in cui vivono …e ti racconterò di tre ragazzi’… Sentivo di dover fare qualcosa e così sono iniziati i progetti. Abbiamo iniziato con la costruzione di un acquedotto nel 2013, ricostruzione di case terremoto 2015. Intanto che andavano avanti le ricerche scientifiche e i rapporti umani con la conoscenza ed amicizia fraterna con i componenti del Team Dreamers Destination di Phurba Tenjing Sherpa divenendo collaboratori  dello stesso gruppo creando l’ Explora Dreams. Il motivo perché sono lì? Rispondo con un aneddoto: anni fa nel 2013 Mingma G. Sherpa, il salitore del K2 in inverno 2021 mi chiese ‘Perché sei qui?’ e la mia risposta fu Perché il posto in cui sono nato è molto simile con gli stessi problemi, solo che le montagne sono molto più alte».

«Mi sento molto orgoglioso e onorato di avere una nascita in Nepal, specialmente nel mio villaggio nella comunità Sherpa. Appartengo alla Rolwaling Valley, situata nel distretto di Dolakha. Sono cresciuto lì giocando con le montagne così come i bambini a Kathmandu giocano con cellulari o computer».

A parlare adesso è Phurba Tenjing Sherpa del team Dreamers Destination.
«La Rolwaling è una valle santa, scavata più di 2000 anni fa da Guru Rinpoche (Padmasambhava). Guru Rinpoche scelse questo luogo per la meditazione e vi rimase per tre mesi e tornò in Tibet come scritto nella scrittura buddista. Ci sono antiche grotte storiche, segni diversi, antichi monasteri che ti fanno credere che Guru Rinpoche fosse lì. Ecco perché la valle stessa è stata nascosta al mondo esterno per preservare e proteggere la sua santità. Mi sento molto fortunato ad essere cresciuto in questo luogo santo tra gente semplice e sempre sorridente».
«I miei antenati, nonni e padre erano agricoltori. Hanno campi di patate e yak. Mio padre era solito attraversare il passo Tashi Laptsa per visitare la valle del Khumbu trasportando carichi di bagagli di turisti, semplicemente perché altre persone provenienti da quote inferiori non potevano sopravvivere alle dure condizioni di 5000 m. I miei fratelli hanno seguito la strada di mio padre e anche io, non avevamo altra scelta. Siamo diventati portatori per guadagnarci da vivere: questo ci ha portato all’alpinismo e oggi possediamo una società di spedizioni. Dreamers Destination Treks and Expedition Pvt. Ltd è la mia azienda e ogni stagione organizziamo spedizioni di trekking e alpinismo. Quando guardo indietro, è un viaggio difficile della vita che abbiamo attraversato».
«Il mio villaggio ha tutto. È ricco di flora e fauna naturali, aria fresca, acqua fresca, cibi freschi, circondato da maestose centinaia di montagne sacre. È tranquillo. Per noi è un paradiso. Mia madre vive lì. Non le piace stare in città. Ma non abbiamo elettricità, strutture scolastiche, strade o internet. Siamo a sole otto ore di auto dalla capitale Kathmandu, tuttavia, il mio villaggio è una delle zone più rurali del Nepal a causa della sua struttura geografica».
«Ho visitato la casa di Davide in Italia. La sua città natale è simile alla mia, circondata da montagne e gente di montagna. Grazie alla scienza e alla tecnologia, ci sono molte strutture per migliorare la vita e il governo capisce le esigenze delle persone in Italia. Ma il governo del Nepal in realtà non sta facendo lavori significativi per i residenti di montagna».
«Ecco perché stavo cercando di cambiare lo status quo del mio villaggio secondo le mie capacità. Stavo cercando di costruire un presidio sanitario ed estendere le strade a Tashi Laptsa Pass e fare un biwak qualche anno fa, penso che fosse intorno al 2016».

«La mia valle fa parte dell’area protetta di Gaurishankar dove non è consentito disturbare il suo ecosistema. Ancora più importante, noi abitanti dei villaggi lavoriamo insieme per proteggere i valori etnici locali e l’ambiente naturale. Inoltre, la mia valle è una valle vegetariana, il che significa che non ti è permesso uccidere o cacciare per amore della carne a causa della fede religiosa. Abbiamo il comitato del monastero, il Rolwaling Everest Summiteers Club, il comitato dei consumatori forestali per regolamentare le norme e i regolamenti locali. A causa della geografia, l’unico modo per elevare il mio villaggio è attraverso il turismo. Dico che abbiamo bisogno di sempre più turisti: potrebbero essere botanici per studiare specie rare trovate a Rolwaling, zoologi, antropologi, geologi, scienziati medici, astronomi (non abbiamo affatto inquinamento luminoso, puoi dormire sotto la Via Lattea), e amanti dell’avventura, viaggiatori,… chiunque!! Il turismo è l’unico modo per guadagnarsi da vivere adeguatamente per i locali che risiedono qui. E direi che la mia valle non è una meta turistica commerciale, è ancora inesplorata e inascoltata da molti».

«C’è questa famosa citazione, “Dove c’è una volontà, c’è un modo”, e la mia strada mi ha portato dai miei amici dall’Italia. Ho sentito di aver incontrato degli degli angeli travestiti da umani! Sono venuti nel mio villaggio, hanno adottato la cultura locale, le norme ei valori della gente di montagna e li hanno aiutati. I campi sanitari che avevano organizzato, la prima via ferrata che avevano costruito a Tashi Laptsa Pass, le ricerche mediche biologiche che avevano condotto, sono alcuni degli esempi del loro contributo al miglioramento del mio villaggio. Voglio dire, perché dovrebbero farlo per qualcuno lontano dall’Italia? Ma hanno stabilito questa alta definizione di amicizia, fratellanza e umanità. Ringrazio davvero i fratelli Davide, Giorgio, Marco, Paolo e tutto il team di Explora Nunaat International compresi tutti quegli sponsor o sostenitori che li hanno supportati».

EXPLORA NUNAAT INTERNATIONAL TEAM
1) Davide Peluzzi – Presidente e Capo Spedizione Ideatore del Progetto: Earth Mater HIMALAYA.
2) Giorgio A.Marinelli – Direttore e Vice Capo Spedizione.
3) Marco Di Marcello – Direttivo Explora e Biologo.
4) Paolo Cocco – Direttivo e Fotografo.
5) Marco Sazzini – BiGeA Alma Mater Studiorum
6) Roberto Madrigali – Meteorologo in Italia in  collegamento satellitare.
7) Carmela Modica, Giornalista – Explora Report.
8) Lidia Di  Blasio Agenzia Jmotion Video.

Camp Italia ringrazia Explora Nunaat International per l’autorizzazione all’uso delle foto e dei filmati a cura di JMotion, concessa in occasione delle Celebrazioni SL18B!

Puoi visitare la mostra alle celebrazioni SL18B dal 17 giugno al 6 Luglio allo SLurl>

maps.secondlife.com/secondlife/SLB%20Pizzazz/173/54/23

*Team Explora Photo: courtesy Explora Nunaat International

**The Sky Way Exhibit 1, 2, 3 photos: courtesy Rig Torok

CuoreNero in Concerto

Il team di Camp Italia ha il piacere di ospitare la bravissima cantante italiana CuoreNero Yuitza in concerto.

Appuntamento Giovedì 24 Giugno 2021 alle ore 22:30 ora italiana, 1:30pm SLT.

Vi aspettiamo per una bella serata di ottima musica e ballo!

Non mancate!

Mondi Virtuali e la geopolitica che cambia

In occasione della Giornata Internazionale del Rifugiato 2021, Camp Italia, community gateway italiano in Second Life, ospita la prima puntata di “Kender – Gli occhi sul mondo che cambia” a cura di AGC Communication che presenta il libro Migranti, Storie di un Fenomeno, frutto di una capillare ed attenta ricerca ed analisi sul fenomeno dell’immigrazione.

La serie “Kender – Gli occhi sul mondo che cambia” segna l’inizio di una collaborazione tra Camp Italia e AGC Communication.

«Il team di gestione di Camp Italia accoglie con piacere ed orgoglio la collaborazione con AGC Communication, agenzia di analisi geopolitica – spiega Asia Connell, responsabile del Team Camp Italia.

«Crediamo fortemente che il mondo virtuale sia anche e sopratutto una estensione di quello cosiddetto reale e durante questa pandemia stiamo constatando ogni giorno di più dell’importanza dell’utilizzo di piattaforme virtuali – prosegue Connell.

«Come Camp Italia ci stiamo attivando in questa direzione affinché la piattaforma di Second Life, ad oggi la più evoluta dal punto di vista tecnologico e dove è possibile realizzare progetti di ogni genere ed interesse, possa essere punto di riferimento per associazioni, organizzazioni ed istituzioni, nell’utilizzo dei mondi virtuali e nella direzione della costruzione di un mondo migliore».

La prima puntata della serie è fruibile attraverso lo schermo gigante posto sul lungomare del Faro di Camp Italia, mentre nell’aula del museo è possibile guardare la versione dello stesso video sul canale YouTube di AGC Communication.

L’evento “World Refuge Day 2021” ha inizio in Camp Italia il 20 Giugno e prosegue fino al 27 dello stesso mese.

«Il virtuale è in un certo senso parte importante della nostra ricerca. Molti dati, molte dichiarazioni dei migranti, sono state raccolte via social media, in anonimato. E ancora  per uscire dal fenomeno migrazione, riscontriamo sempre più spesso da parte dei governi la necessità di utilizzare simulatori di vita o strumenti virtuali per – capire, passateci il termine: il mondo che verrà . E  questo impone: da un lato,  la capacità di osservare il mondo nuovo, dall’altra chiederci fino che punto sia lecito spingersi. Infine vorremmo ringraziare Asia Connell e Camp Italia per questa ospitalità che ci permetterà di viaggiare e vedere il mondo con gli occhi di un Kender che non conosce limiti in materia di curiosità», afferma AGC Communication. 

Una settimana in cui si alterneranno numerose occasioni di riflessioni, tra le quali la mostra fotografica “Search&Rescue – 9 days with Italian Navy”, reportage condotto a bordo di nave San Giorgio durante alcune operazioni di soccorso nel Mediterraneo durante l’operazione Mare Nostrum, a cura del magazine Cybernaua InformAction Magazine che dallo scorso Novembre 2020 ha attivato una collaborazione con Camp Italia.

A chiusura dell’evento, verrà allestita la mostra “Tracce d’Africa” dell’artista e pittrice Francesca Scollo che resterà aperta al pubblico fino al 31 Agosto.

L’evento World Refuge Day 2021 è fruibile fino al 27 Giugno.

Yoga Day 2021

Volgi il tuo sguardo ad Est, e sulla spiaggia di Camp Italia celebra con noi la Giornata Internazionale dello Yoga.

Lo Yoga Day 2021, in collaborazione con DJ Burningmax e la sua musica per meditare, portano una luce differente alla tua Second Life.

Indossa il tuo outfit da yoga, o ciò che preferisci, e saluta con noi il sorgere del Sole in questa giornata di Solstizio d’Estate.

Porgi al Sole le tue intenzioni per la nuova stagione che inizia e lasciati cullare dal suono delle onde, dai gabbiani, e dalle melodie straordinarie di DJ Burningmax.

Namasté!