Stop the Violence. Proseguono gli appuntamenti a Camp Italia

A una settimana dall’inizio dell’evento “Stop the Violence” proseguono gli appuntamenti artistici e musicali in Camp Italia, Second Life.

Orny Forcella & Manga ci accompagneranno per una serata di ottima musica e balli sul lungomare del faro, in full immersion con l’esposizione fotografica di Dadi88.

Venerdì 4 Dicembre alle ore 22:30 ora italiana, 1:30pm SLT .

** One week from the start of the “Stop the Violence” event, the artistic and musical events continue in Camp Italia, Second Life.

Orny Forcella & Manga will accompany us for an evening of excellent music between the photographic exhibition of Dadi88.

Friday 4 December at 10:30 pm Italian time, 1:30 pm SLT.

In questo nono giorno della campagna #16Days #orangetheworld, riportiamo di seguito le parole del Direttore esecutivo di UN Women, Phumzile Mlambo-Ngcuka: «Le donne devono avere pieno accesso alla giustizia, con un processo affidabile contro gli autori di violenza e un’efficace prevenzione di questi crimini. Uno dei motivi per cui le donne denunciano meno del 40 per cento di gravi crimini violenti contro di loro o cercano aiuto di qualsiasi tipo, è la loro mancanza di fiducia nella risposta del sistema. La svolta inizia con le scuole di legge e le accademie di polizia che insegnano alle loro coorti a riconoscere e rispondere agli abusi e ad essere attenti alla discriminazione. Significa porre fine all’impunità, con solide strutture legali e politiche e dati per monitorare i progressi e aiutarci a tenere conto di noi stessi e delle autorità.

«Altrettanto importanti sono i cambiamenti culturali che aiutano a prevenire la violenza contro le donne e le ragazze in primo luogo. Per questo, dobbiamo spostare gli stereotipi e gli atteggiamenti che fanno vergognare i sopravvissuti e normalizzare e scusare i responsabili. E dobbiamo coinvolgere gli alleati in questo, compresi uomini e ragazzi. Dopotutto, mentre un virus è indiscriminato, un uomo o un ragazzo può scegliere di non essere violento e la società può guidarlo a non essere violento e ritenerlo responsabile se lo è».

**On this ninth day of the #16Days #orangetheworld campaign, we quote the following words from UN Women Executive Director Phumzile Mlambo-Ngcuka: «Women must have full access to justice, with a reliable trial against perpetrators and a effective prevention of these crimes. One of the reasons women report less than 40 percent of serious violent crimes against them or seek help of any kind is their lack of confidence in the system’s response. The breakthrough begins with law schools and police academies teaching their cohorts to recognize and respond to abuse and be alert to discrimination. It means ending impunity, with strong legal and political structures and data to monitor progress and help us take account of ourselves and the authorities.

«Equally important are the cultural changes that help prevent violence against women and girls in the first place. For this, we must shift the stereotypes and attitudes that put survivors to shame and normalize and excuse those responsible. And we must involve the allies in this, including men and boys. After all, while a virus is indiscriminate, a man or a boy can choose not to be violent and society can guide him not to be violent and hold him accountable if he is».

Pubblicato da campitaliagateway

Projects in Virtual Environment of Second Life

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.